gennaio 10, 2011

La Maga delle Spezie (di Chitra Banerjee Divakaruni, 'The Mistress of Spices')



"Io sono una Maga delle Spezie. 
 Ho imparato tutto sull'isola. 
 Posso chiamarle una per una con il nome assegnato loro quando la terra si spaccò come una scorza per offrirle al cielo. 
Il calore che emanano mi scorre nelle vene. 
Dall'amchur, la polvere di mango, allo zafferano, tutte si piegano ai miei comandi.

Un sussurro, e mi svelano proprietà segrete e poteri magici.'


Sono naturalmente restia all esotico, dalle letture al consumo di alimenti, dagli odori alle mete turistiche.. Sono troppo attaccata (leggi 'chiusa') ai miei boschi e alle piante delle mie colline, famigliari come un respiro sotto la sciarpa.
Ma lo studio è studio, la sete di conoscenza impellente e non potevo esimermi dal consiglio della meravigliosa Speziale della Casa nella Foresta: cominciare col vedere il film: La Maga delle Spezie, per capire se leggere il libro.
Ammetto che soltanto un appassionata di erbe idiota poteva ignorare l'argomento spezie, primo perchè le spezie sono una sorta di 'alter ego' disseccato delle erbe stesse, ma soprattutto perchè sono parti delle erbe che solitamente non utilizzo: semi, cortecce, scorze dalle aggressive energie sottili..
Scema io.
Ma si impara sempre.


Il film mi è piaciuto molto: l'atmosfera del negozio è avvolgente, i colori delle polveri restano impressi negli occhi, i profumi sembrano attraversare lo schermo e salirti su per il naso suggerendoti impieghi incantati e ricette favolose.
E poi c'è Tilo che è assoluta, magnifica e intensa come non potevo prevedere.


'Se vi mettete in piedi al centro di questa stanza e girate piano piano su voi stessi, vedrete allineate sui miei scaffali tutte le spezie indiane mai esistite: perfino quelle perdute nella notte dei tempi. 
E in ogni angolo, esalati da chi è entrato qui, ammonticchiati tra i bioccoli di polvere, i desideri.
Tra tutti gli oggetti della mia bottega, la presenza più antica.

Perche persino qui, in questa terra nuova che è l'America, in questa città orgogliosa di rinascere ad ogni palpito del cuore, sono sempre le stesse cose a destare le nostre brame, ancora e ancora.'


Il giorno dopo la visione del film sono andata a cercare il libro.. la sete di spezie arriva quando meno te lo aspetti, come tutte le cose che restano nel Tempo.

Il libro è esageratamente più bello del film (maddai!), nonostante ammetto che l'ambientazione cinematografica del negozio, nel film, 
aiuta molto ad apprezzare le descrizioni cartacee della Divakaruni.


'Ha un'aria comunissima, perchè tale è la natura della magia più profonda. La magia più profonda che si nasconde nel cuore della nostra vita di ogni giorno, un guizzo di fuoco, se solo avessimo occhi per vedere..

Tilottama, la maga delle spezie, è una donna vera: non appartiene alle figure extraterrene che spesso vengono descritte come maghe nei libri più noti: 
lei non ha sempre ragione, non è al di sopra delle parti, non ha soluzioni e poteri assoluti:
si contorce mentre decide cosa fare, chiede, cambia idea, sogna e sbaglia, rispondendo ai bisogni degli altri 
ma sentendo pulsare prepotentemente i propri, incandescenti, desideri.

La cosa letterariamente più interessante è che ,invertendo la comune tendenza di rendere sovrumani personaggi che non lo sono (e che se ascoltate bene potrete sentirli latrare di dolore tra le righe dei libri)
 la scrittrice indiana rende Tilo (la stessa Tilo che si sente superiore a chiunque e dice: 'Perchè è più facile tollerare la morte che accettare la vita normale'
una donna talmente fragile e 'comune' che fa la cosa più umana di tutte, 
si innamora, e non solo.

Libro consigliatissimo per molte ragioni, una delle quali è che sentirete le spezie talmente vicine alla vostra anima che non potrete più fare a meno di loro..




10 commenti:

Viola di Nebbia ha detto...

proprio così.... è incantevole... fragrante... magico...
Splendida recensione Pomoma Spice (hihihihihihihi!!!!!!)

cristina ha detto...

è magico di certo...e con questo post mi hai conquistato! Sarà il prossimo libro che leggerò!
Bacioni Zia!

MammaSELE ha detto...

Ormai ho imparato a fidarmi delle tue recensioni. Quindi leggerò il libro che, a lume di naso, normalmente, non rientrerebbe nelle mie corde, ma....mai fare i conti senza l'OsteZia!!!!! Così è stato per "il profumo del pane alla lavanda" (incantevole)e così sarà per questo, ne sono certa. Roba che se me lo suggerisse un'altra la manderei a stendere! Ma con te.....baciotti.

Moray Place 12 ha detto...

Un bel libro davvero, a sentire la mia collega Alessandra di Diario di pensieri persi. Se poi me lo dici anche tu!!! devo acquistarlo!!! :-)

La Zia Artemisia ha detto...

Fidatevi^^
è molto dolce, profondo e imparerete molte cose sulla magia sottile delle spezie.. ma vi raccomando, magari dopo, anche la visione del film.. carino davvero!!!
Grazie Sele^^, speriamo ti piaccia..,se ti fa cagare dimmelo però! uahahah
Grazie a tutte sono contenta vi sia piaciuta.. c'erano ottomila cose da dire su questo libro, ma così vi lascio il piacere di scoprire^^
un abbraccio dalla Zia Artemisia, o OsteZia, o Pomona!

Francesca D. ha detto...

Cara zia, il tuo blog è così magico e meraviglioso che non ho potuto fare a meno di assegnargli il premio Sunshine Award! trovi tutto a questo link: http://piccolosognoantico.blogspot.com/2011/01/premio.html

e grazie per averci regalato un'altra splendida recensione! baci

La Zia Artemisia ha detto...

Grazie mille Fra! che bello sapere che questo posticino, attraverso il vetro, porta un soffio di magia alle mie amiche^^.
un abbraccio e ancora grazissime!
La Zia Artemisia

Mariabei ha detto...

Un altro post bellissimo! Io adoro le spezie perciò comprerò senz'altro questo libro... poi la copertina è deliziosa e sicuramente mooolto profumata ;^D
Bacioni...smack smackkkkk!

aboutagarden ha detto...

Seguo con interesse le tue recensioni da tempo, mi hai fatto scoprire bellissime letture...Ho visto il film perchè il titolo mi intrigava. Cercherò il libro che come immaginavo sarà ancor più evocativo.
grazie
simonetta

La Zia Artemisia ha detto...

Grazie a e di passare a trovarmi, Simonetta, è una gioia.
Spero che ti piaccia il libro, un abbraccio dalla Zia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...